Persiane avvolgibili e tende da sole

Tapparelle in alluminio, perché sono le più vendute

Sempre di più nel corso degli ultimi anni, in ambito infissi, si tende a preferire le tapparelle in alluminio rispetto alle soluzioni più tradizionali. Le ragioni di questa scelta trovano riscontro nei vantaggi del materiale che viene utilizzato: l’alluminio appunto. Quest’ultimo oltre ad essere resistente, non si deforma facilmente, ed è gradevole esteticamente.

Come sono fatte le tapparelle?

E’ bene però capire, prima di analizzare i pro e contro di questo prodotto, cos’è una tapparella, qual è la sua funzione e com’è composta.
La definizione basilare di “tapparella” è: elemento oscurante e protettivo montato su di un’apertura (finestra). Questa, assieme alle persiane, costituisce l’infisso più utilizzato in Italia, all’interno del mercato dell’infisso italiano, che da solo rappresenta il 10% del totale europeo (ogni anno il mercato italiano delle finestre viene stimato da CSIL pari a circa 7,2 milioni di unità – leggi la ricerca GISL.
Le tapparelle sono composte da stecche orizzontali che vengono incerniate tra di loro, formando uno “schermo”. Inoltre, vengono avvolte intorno un albero di avvolgimento che ne permette la chiusura e l’apertura.
Tutti questi componenti meccanici che consentono il movimento della tapparella, sono contenuti in un cassonetto situato di solito all’interno o all’esterno della stanza. Le modalità possono essere manuale o automatica. Per quanto riguarda le tapparelle manuali, esse sono dotate di una cinghia che permetterà loro di essere aperte o chiuse. Mentre nel caso delle tapparelle automatiche, queste saranno manovrate da un pulsante o telecomando.
Lo scopo di questo prodotto, è proprio quello di proteggere gli ambienti da temperatura, agenti atmosferici e luce solare.

Tipi di tapparelle: pvc, alluminio e acciaio inox

Oggi esistono diversi tipi di tapparelle: quelle in pvc, più economiche e leggere che però sono molto rumorose se batte vento e tendono a scolorire facilmente, e quelle in alluminio che si suddividono in alluminio coibentato ed estruso. Inoltre risultano molto performanti per la sicurezza le tapparelle in acciaio inox (T.Blindo).
Le tapparelle in alluminio coibentate sono composte da un nastro di alluminio di circa 0,30 mm, pre-verniciato composte da poliuterano, al loro interno, che funge da isolante termico.
Le tapparelle in alluminio estruso, hanno uno spessore poco rilevante di circa 10kg per mq. A causa di questo, necessitano spesso dell’installazione di modalità apertura/chiusura automatica. Presentano però un beneficio molto importante, ovvero, sono resistenti a tentativi di furto o scasso.
Una delle applicazioni che risultano ancor più di maggior successo sono le tapparelle blindate in acciaio inox, modello T. Blindo, che esteticamente hanno la stessa identica resa, rispetto alle normali tapparelle, con il vantaggio di avere una forte ricerca nell’ambito della protezione.

Finestre in alluminio: le caratteristiche dei nuovi infissi

L’alluminio di per sé è un metallo robusto che resiste ai vari tipi di clima, è molto leggero e non necessita di accorgimenti particolari per la sua pulizia, in quanto è sia riciclabile che ecologico.
Risulta ottimo nella realizzazione di infissi “design”, prestandosi a qualsiasi tipo di esigenza estetetica e accostamento di suferfici, presentando la possibilità di essere lucidato, verniciato e piegato a piacimento.
Essendo appunto un metallo, l’alluminio è un conduttore termico ed acustico. Proprio per questo tali infissi vengono realizzati con il “taglio termico”, una tecnica che include l’inserimento di materiali a bassa conducibilità termica, come ad esempio la plastica e il pvc.
Questi due materiali messi insieme, “tagliano” il calore o il raffreddamento, permettendo uno tra i migliori isolamenti termici ed acustici per il settore, ripercuotendosi così in modo ottimale sui consumi energetici e traendo importanti risparmi.

admin

About admin

2016 © All rights reserved Sirio 7 di Pia Simone - P.Iva 03287080281